Bleiberg: tra acque termali e vecchie miniere

Pubblicato il 19 settembre 2017
Bad Bleiberg è una piccola località termale da scoprire: a due passi dal confine italiano, questa magica valle svela la sua vocazione termale e i 1300 km di gallerie sotterranee.
l'Hotel Bad Bleiberg si trova alla porta di ingresso per il Parco Naturale del Monte Dobratsch, dove già la natura incontaminata e la tranquillità dei luoghi producono un senso di benessere in modo spontaneo e che attraverso i numerosi sentieri, le piste per mountain bike ed i percorsi alpini può essere ulteriormente stimolato in una full immersion di naturalità, sport e relax. Il celebre Sentiero dei Minatori” permette di visitare le vecchie miniere dismesse, con più di 1.300 km di gallerie, alcune percorribili all’ingresso.

Il “Sentiero dei minatori” è un trekking alla portata di tutti, pianeggiante, facile, dalla durata di circa un’ora e mezza. È proprio qui che nel 1951 i minatori perforarono per caso una sorgente di acqua termale che inondò le gallerie con una portata di 2.800 litri al minuto. Proprio per questo avvenimento il paese di Blelberg prese la denominazione di Bad Bleiberg (Bagni Bleiberg) per indicare la location termale.

Oggi l’acqua termale è utilizzata in forma purissima (non allungata) dal centro benessere dell’hotel Bleibergehof. La forza di questo hotel è certamente la grande ed accogliente zona benessere, con la sua grande piscina interna ed esterna di acqua termale pura, sauna, bagno turco, cabina a raggi infrarossi ed il laghetto naturale balneabile, dove nell’ampio prato e giardino ospita anche la speciale “sauna della terra” all’aperto, un percorso emozionale completo per donare relax e rigenerare la propria forma fisica.

L’impressionante cornice dei monti della Carinzia completa il quadro, garantendo in modo naturale la soluzione perfetta per evadere dallo stress quotidiano e rigenerare i sensi, unendo benessere, eleganza, ospitalità ad un ambiente innovativo grazie alle proposte di pacchetti benessere e alle fantastiche novità legate al benessere regionale, come l’utilizzo delle piante alpine.
copyright 2016: Gigapublishing